Benedetto il Moro, il Santo “nero” di Palermo, di Valeria Paleologo

Condividi

Un santo nero.

Santa Rosalia è Patrona della nostra città ma tanti ne sono i Santi Protettori.

Mi ha sempre affascinato la figura di San Benedetto, il frate nero, che fu proclamato patrono e Santo protettore della nostra città insieme a Rosalia.
Ne sapevo ben poco e, per questo motivo, ho voluto ricercare notizie sulla sua vita.
I suoi genitori venivano dall ‘Africa ed erano schiavi di un ricco signore. In quel periodo spesso gli schiavi prendevano il cognome dei padroni e così fu per Benedetto che prese il cognome Manasseri e fu libero sin dalla nascita.

Divenuto adulto, condusse vita da eremita. Dopo 18 anni di digiuno, preghiera e penitenze, nel corso dei quali fu sempre accompagnato da fama di santità, per illuminazione celeste si unì ai Frati Minori di San Francesco nel convento di Santa Maria di Gesù, dove ancora riposa.

Si riferisce di innumerevoli miracoli compiuti dal Santo, ma di certo fu sempre umile e caritatevole. Poveri, confratelli, nobili e addirittura lo stesso vicerè … tutti si rivolgevano al frate nero per riceverne la benedizione, chiedere guarigioni o semplicemente consigli prima di prendere una decisione importante.

Dopo la sua morte, nel 1594, lo venerarono come Santo e tale fu proclamato nel 1807 dalla Chiesa, che ne riconobbe alcuni miracoli.

Ho tralasciato molti particolari che avrebbero reso noioso il racconto. Il Santo è venerato non solo a Palermo, ma anche in altreparti della Sicilia e in Sudamerica. Fu il primo santo nero della storia e non a caso visse e operò a Palermo, città tollerante, accogliente e multietnica.

Speriamo che lo rimanga sempre perchè questa sua qualità è una delle nostre maggiori ricchezze.

 

Valeria

abbiamo parlato anche dei Santi Patroni in:

http://www.palermofelicissima.it/2018/03/05/1193/

http://www.palermofelicissima.it/2018/02/18/palermo-di-notte/

http://www.palermofelicissima.it/2017/10/22/le-cinque-patrone-di-palermo/

 

 

 

benedetto il moro, santa maria di gesù

 

Lascia un commento