Regalo di Natale, di Riccardo Quadrio.

Condividi

In una delle poche giornate ”in presenza” permesse dall’emergenza epidemiologica in corso, in un ufficio avvolto da una atmosfera che di prenatalizio ha ben poco, qualcuno bussa alla mia porta:

  • “Ingegnere buongiorno. Posso disturbarla?”
  • “Ci mancherebbe. Si accomodi pure.”
  • “Sono un tecnico incaricato ad una valutazione di un capannone industriale, e avrei bisogno di qualche dato sui valori unitari di mercato in zona omogenea “D2”: mi hanno detto che lei potrebbe aiutarmi…”
  • “Senz’altro. Mi conceda un attimo…” 

Mentre interrogo al terminale la banca dati per trovare elementi utili all’oggetto della richiesta, il tecnico seduto davanti a me, che si guarda distrattamente intorno per ingannare l’attesa, nota il cellulare nel taschino della camicia, e osserva:

  • “Ingegnere, ma quel cellulare infilato nel taschino… non è troppo vicino al cuore?” 

La mia mano destra si stacca repentinamente dal mouse e si tuffa nella tasca dei pantaloni, alla pretestuosa ricerca di una pen drive, prima di rispondere timidamente:

  • “Perché, che…”
  • “No, non per dire… Ma con questi campi elettromagnetici non c’è da babbiare… Sa, con le cose che si sentono…”

Continuando a frugare nella tasca alla ricerca magari del cappuccio della pen drive, consegno quanto richiesto a ddu curnutu sorridente che ho davanti, che si congeda con un:

  • “Non so come ringraziarla, Ingegnere…   Se non ci dovessimo più vedere, le auguro un buon Natale…”
  • “Altrettanto a lei e famiglia!” rispondo, trattenendo dietro la mascherina un meno cortese ma più eloquente: “A tìa e a tutta a to razza!”… 

Quando finalmente quel  porta attasso mi lascia solo, rifletto su come minimizzare i rappresentati nefasti effetti dei campi elettromagnetici, osservando fra me e me: 

  • “E se lo metto nel taschino della camicia, dice che mi viene l’infarto… ; se lo metto nella tasca posteriore dei pantaloni, capace che mi vengono le emorroidi…; se lo metto in quella anteriore, quello che può accadere manco me lo voglio immaginare…”

I miei pensieri vengono interrotti dalla soneria del cellulare (che ormai mi mette magari soggezione), sul cui display campeggia il nome “Mamma”; mi prendo di coraggio e rispondo:

  • “Ciao, Mamma”
  • “Ciao, Riccardino… senti, gioia mia, stavo pensando… ma se per Natale ti regalo un borsello…  che dici, ti piacerebbe?”
  • “OTTIMA IDEA! Ti voglio bene, Mammi’!!”

(P.s. Se proprio dovete fare un regalo, assicuratevi che sia utile… Felicissimi, Buon Natale a tutti voi)

foto dalla rete, nocopyright

Lascia un commento