Social! Chi era costui? I Vigili Urbani nelle Scuole di Palermo – di Marcello Troisi

Condividi
  • 17
  •  
  •  
  •  
  •  
Social! Chi era costui? I Vigili Urbani nelle Scuole di Palermo – di Marcello Troisi

Parodiando l’ottavo capitolo dei Promessi Sposi, mi chiedo: “Social! Chi era costui?”

Si: perché spesso scherziamo sul termine senza soffermarci sul senso di socialità connesso alla legalità.

Per il “Progetto Legalità” a partire dall’autunno 2017, i Vigili Urbani di palermo si sono recati in molte
scuole palermitane per incontrare i più piccoli. Con tantissima dolcezza e pazienza hanno coinvolto bimbi dell’infanzia e bambini della primaria intrattenendoli con attività pensate per far nascere la loro attenzione verso i primi, fondamentali, elementi della legalità.

Ho partecipato ad uno di questi incontri ed ho scambiato riflessioni con i due coordinatori, arrivando alla conclusione che la prima azione da fare, e ripetere ogni giorno, è quella di instillare nei nostri figli il senso della legalità, facendo loro capire che è il primo vero segno di socialità.

I Vigili per il Progetto legalità
I Vigili per il Progetto legalità

Certo, i ragazzi pensano che la socialità sia essere molto “social” connessi ai media ma non è così. Si può
essere “social” senza rispetto e “non social” ma con tanto rispetto verso gli altri, ed i bambini verso gli altri bambini.
Si parla spesso dell’assenza dei Vigili dalle strade ma la città si è estesa ed è grande. Pensiamo in positivo (da Felicissimi) e consideriamo le attività importanti che i Vigili svolgono.

Dopo gli incontri, entro il mese di marzo 2018, i bambini delle scuole coinvolte si recheranno in Via Dogali a presentare i loro elaborati sotto forma di disegni, barzellette, poesie, Powerpoint, etc. partecipando così al Concorso che premierà 20 bambini durante una  manifestazione finale che si terrà al Teatro Massimo di Palermo.

Ho voluto raccontare questo per riflettere.
Quanto facciamo quotidianamente per i bambini verso la legalità? Quente volte osserviamo, riflettiamo con loro, commentiamo quello che succede, durante il percorso da casa a scuola e ritorno?

Concludo con l’elenco delle Scuole che hanno partecipato al progetto.
Ecco l’elenco completo:

  • “Cavallari” di corso dei Mille;
  • “Cusmano” di Via G. Cusmano;
  • “R. Guttuso” di Via Messina Marine;
  • “S. Lucia” di Via Principe di Belmonte;
  • “N. Garzilli” di Via Isonzo;
  • “Monti Iblei” di Via Via Monte San Calogero;
  • “Medi” di Via Leonardo da Vinci;
  • “Sacro Cuore del Verbo Incarnato” di piazza Generale Cascino,
  • “Pitrè-Rapisardi” di Via Damiani Almeyda;
  • “A. Gentili” di Via F. Lo Jacono;
  • “Montegrappa Sanzio” di Via Deodato;
  • “Duca degli Abruzzi” di Via Fazio;
  • “G. E. Nuccio” di piazza dell’Origlione;
  • “Sperone-Pertini” di Via F. Cavallotti;
  • “Vittorio Emanuele Orlando” di Via Lussemburgo;
  • “Giuliana Saladino” di Via Barisano da Trani;
  • “Principessa Elena di Napoli” di Via Ustica;
  • “Ragusa Moleti” di Via Ragusa Moleti;
  • “Don Milani” di Via dei Picciotti;
  • “Giovanni XXIII° – Piazzi” di Via M. Rutelli;
  • “Ninni Cassarà” di Via Don orione;
  • “Ascione” di Via Centuripe;
  • “Maredolce” di Via Fichidindia.

Marcello Troisi

Lascia un commento