SABBIA NERA di Cristina Cassar Scalia, di Diego Merlo

Condividi
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  

SABBIA NERA di Cristina Cassar Scalia

A Muntagna (l’Etna per i catanesi) fa da sfondo, con la sua pioggia nera, alle vicende che prendono la mossa dal ritrovamento di un cadavere mummificato in una villa alle falde del vulcano.

Il vicequestore Giovanna Guarrasi viene incaricata delle indagini e fin da subito si rende conto che dovrà scavare a fondo nella buona società catanese degli anni fra la fine del ’50 e l’inizio del ’60.

A venirle in soccorso sarà Biagio Patanè, commissario in pensione che ben ricorda fatti e personaggi del periodo indicato.

Le indagini condurranno ad un luogo della memoria, un vecchio bordello degli anni Cinquanta, che si rivelerà essere di massima importanza per la soluzione del caso.

foto dal profilo facebook dell’autrice

Trama coinvolgente ed accurata.

Cristina Cassar Scalia ben disegna personaggi e luoghi di una Catania immusonita e nera di fuliggine e segreti.

Romanzo che si lascia leggere piacevolmente e ribadisce la qualità dei giallisti siciliani, se mai ce ne fosse stato bisogno.

Personalmente, ho trovato un poco forzata la scelta del corsivo per le parole dialettali. Il buon Camilleri ben ci ha abituati a “leggere” il dialetto ed in tutta Italia, ormai, non si ha bisogno di traduzioni per “santiando”, “talè” ed altre simili amenità.

Comunque, la scelta editoriale nulla toglie alla freschezza della scrittura ed alle brillanti intuizioni gialliste.

Da leggere quindi, magari sotto l’ombrellone, in questa calda stagione certo un paio di brividi non faranno male.

Buona lettura.

Diego A. Merlo

Trovate tutti i “nostri” libri e tanto altro ancora, Alla Libreria Europa di Via Uditore 22. Chiara ed Andrea Vi aspettano. Partner di Palermo Felicissima !

https://www.facebook.com/libreriaeuropa.pa/

 

 

 

 

 

 

SABBIA NERA di Cristina Cassar Scalia

Lascia un commento