Presentazione del catalogo di Antonietta Raphaël , alla Gam il 20 aprile

Condividi

Presentazione del catalogo di Antonietta Raphaël , alla Gam il 20 aprile

(riceviamo e volentieri pubblichiamo)

Venerdi 20 aprile alle ore 17.00, presso la sala conferenze della GAM di Palermo, avrà luogo la presentazione del catalogo generale della scultura di Antonietta Raphaël Mafai, a cura di Giuseppe Appella.

La presentazione sarà introdotta dalla direttrice del museo Antonella Purpura, e coordinata da Raffaella De Pasquale.

Interverranno Carlo Sisi, storico dell’arte, già Presidente del Museo Marino Marini di Firenze e Direttore della Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti,  ed Eva Di Stefano, curatrice e docente di Storia dell’Arte Contemporanea all’Università di Palermo.

1940 raphael

Il volume, edito da Umberto Allemandi, raccoglie la produzione scultorea Antonietta Raphaël Mafai tra il 1932 e il 1971, ed è il frutto di una lunga ricerca tra fonti sparse ed eterogenee: fotografie, diapositive, cataloghi, lettere, diari a altri documenti.

Questi preziosi quanto caotici materiali, rintracciati negli archivi di famiglia e in numerosi musei, istituzioni, gallerie, collezioni e archivi privati, chiariscono definitivamente dubbi e incongruenze relative a datazioni e attribuzioni.

Dalla visione totale dell’opera, emerge chiaramente come Raphaël sia stata una delle artiste più importanti del Novecento.

Il curatore Giuseppe Appella, nel testo in catalogo, evidenzia la cultura sfaccettata e l’identità ibrida su cui s’innesta la sua opera sensibile ai temi biblici, mitologici, al femminile, segnata in particolare dal motivo della creazione e della maternità.

Il volume testimonia l’evoluzione del personalissimo percorso creativo di Antonietta Raphaël, restituendo tutta la vitalità di una creazione originale la cui potenza affiora nitida nelle tavole fotografiche e nelle centoventisette schede tecniche ordinate cronologicamente, corredate da immagini e note tratte dai diari dell’Artista.

Un corposo capitolo intreccia, poi, all’analisi dell’opera, la ricezione critica e le vicende biografiche, documentate da copertine di cataloghi e stralci di lettere e diari. Una dettagliata nota bibliografica copre il lungo arco temporale dal 1929 al 2014, e costituirà un indubbio punto di riferimento per appassionati e studiosi.

(testo e foto dalla comunicazione specializzata della GAM)

Antonietta Raphaël

Lascia un commento