L’Anciluzzo del Serpotta , di marcello mussolin

Condividi
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  

Mi trovavo un giorno inchiffarato, ‘o solitu miu, a sbrigare le cose che si fanno qui da noi. Cose come controllare che tutto sia a posto, accogliere i nuovi arrivati, metterne uno tra i giardinieri, – che bello ‘stu jaiddinu, tutto rose e fiori e acidduzzi che cantano – metterne n’avutru a sistemare l’armali.

Insomma, cose così.

Sapite, u principali ave tante cose ri fare, e mi disse che a ‘ste cose c’iavia a pensari macari iu. E’ esigente, u Principali. A matula so’ mugghieri e so figghiu ci ricono di ripusarisi n’anticchia. Ma Iddu un s’arriposa mai.

Sto divagando.

Insomma, camminavo così quannu vitti un picciriddo, n’anticchia di cosa, chi chiancia ma propria assai.

Mi venne di spiarici: chi cciai, curu’, ci rissi…

Iddu mi taliò e sicutò a chianciri. Cinn’era navutro accanto a iddu, allora mi rivolsi a lui. Picchì? ci rissi: qua avvissivu a essere tutti felici, un si chianci qui da noi.

Chibbuoi, Pietro, è triste. Fra poco è Natale.

Vero, Natale. U compleanno ru signuruzzu. E’ che qui i giorni sono tutti uguali, un minn’avia addunato.

E quindi, ci chiesi ? Niente, talia docu sutta: i viri tutti i signuri ca s’allestono p’a fiesta? A viri, invece, dda signora malucumminata ca cci domanda l’elemosina ? E’ so’ matri. Unn’ave manco l’uocchi pi cchiancere, un po’ manco trasiri nna chiesa a pregare ppi’ so figghiu morto, non ha il vestito buono, manco i scarpi ave.

Ora, qua siamo tutti felici, ma – com’ vero il mio principale – vi giuro che mi venne una specie di cosa ‘nto piettu. E chi putia farici, io?

Sapete, ogni tanto, quando Iddu è distratto, qualche libertà me la prendo. Così mi presi di coraggio e m’innivu nni so’ mugghieri e mi confidai con Lei. Pietro, mi disse sorridendo, ‘un ti preoccupari.

‘N Paliemmu ciavemu n’amico. Ora ci parlo io.

E così fece. Mentre st’amicu, Giacomo si chiamava, rurmieva, c’iapparve in sogno e ci risse cosa doveva fare. E Giacomo capì.

Aveva fatto statue di santi, di cavalieri, di eroi. Ma mai di un picciriddu. Prese il gesso e plasmò il più bell’anciluzzo che poteva. Pigghò macari n’anticchia di polvere di marmo, ci soffiò sopra e poi allustrò tutto quanto.

Che meraviglia ! Un anciluzzu picciriddo, come ‘un sinn’aviano mai viruti.

Ma no solo uno. Inchiu la chiesa di anciluzzi, tutti i bambini che erano qui da noi e che le mamme non potevano mancu chiancere, picchì le loro fosse erano scavate nella terra, senza mancu ‘n ciuri.

E il prete, il prete si commosse macari iddu: grapiu la chiesa a tutte le mamme, a tutti i papà, i nonni, l’amici.

Che festa ranni che ci fu: chiddu è me’ figghiu, chiddu u miu, talè me’ niputi… E i bambini, quassopra, dovevate vedere i sorrisi. Macari u principali vinni pi‘ ttaliari…

Perciò, quando venite a Palermo, quando osservate gli stucchi del Serpotta, non fermatevi solo a meravigliarVi della tecnica, della maestria dell’artista. Datecelo un saluto a tutti  l’anciluzzi.

marcello mussolin

(foto di copertina da web, galleria foto mie)

 

Lascia un commento